Il ruolo del benessere psicologico prima e durante il percorso di PMA

Redazione 22 dicembre 2016 0
Il ruolo del benessere psicologico prima e durante il percorso di PMA

Fenomeni di ansia e stress sono purtroppo spesso alla base di un mancato concepimento.

Nel caso di una coppia infertile che si accinge ad intraprendere un percorso di Procreazione Medicalmente Assistita, esistono ulteriori preoccupazioni che possono incidere sulla stabilità della coppia e anche sulla riuscita del trattamento: dubbi, perplessità, ansie o anche e soprattutto il non sentirsi in grado di procreare.

Una volta iniziato il percorso, si affaccia poi un altro tipo di disagio psicologico dovuto ai trattamenti di PMA, all’intervento, e naturalmente, all’attesa del fatidico risultato.

Proprio per tutte queste ragioni, sempre più coppie decidono di rivolgersi ad uno specialista che le segua durante le varie tappe di questa avventura.

Quale ruolo gioca dunque un’assistenza psicologica specializzata in questi casi? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Federica Faustini, psicologa presso il reparto PMA GENERA della Clinica Valle Giulia di Roma.

Dottoressa Faustini, quali sono le implicazioni psicologiche per i pazienti che ricorrono alla PMA?

Che tipo di supporto psicologico fornite?

 

Quali sono le principali preoccupazioni di chi sceglie la fecondazione eterologa?

 Maggiori approfondimenti qui.

 

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.