L’ingresso a scuola

Quando il bambino incomincia ad andare a scuola, è esposto a un mondo dove abbondano nuove informazioni e atteggiamenti e vengono dati i premi per comprendere il funzionamento delle cose. A quest’età i bambini offrono spiegazioni, anche se poco convincenti, per fenomeni che sembrano tecnicamente realizzabili ed essi ascrivono volontà e scopo a tutte le cose presenti in natura. Le loro domande sul sesso e la riproduzione, quindi, aumentano con il cercare una ragione per “fatti” in conflitto; come parte della loro sessualità in fase di sviluppo, essi sono affascinati da quello che percepiscono come deviante, come i gemelli o il linguaggio blasfemo. Il loro interesse per le cose bizzarre e fantastiche si estende alla scelta dei giocattoli, dei giochi e dei programmi televisivi. I genitori devono essere incoraggiati a partecipare attivamente alla scelta di queste attività.
Entro gli 8-9 anni, la maggior parte dei fatti basilari della vita sessuale può essere stata appresa, ma i bambini non sono ancora in grado di ordire un sistema coerente, che non li metta a disagio. Di conseguenza, essi iniziano a mostrarsi imbarazzati quando si discute di argomenti legati al sesso, come la gravidanza e il parto, e possono essere riluttanti a porre domande che possono chiarire le loro idee sbagliate. I “giochi sporchi” compaiono in questo periodo e riflettono la loro confusione e avversione: questi comportamenti valutano la ricettività dei genitori nel discutere questi argomenti.

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.