Uomini e donne, i sintomi dell’infarto non sono uguali per tutti

Redazione 22 febbraio 2017 0
Uomini e donne, i sintomi dell’infarto non sono uguali per tutti

Uomini e donne non sono uguali, anche quando parliamo di malattie cardiovascolari. I sintomi dell’infarto femminile possono infatti essere diversi rispetto a quelli maschili, nei quali il principale campanello di allarme è la comparsa di un forte dolore al torace.

Ecco quindi alcuni segnali ai quali le donne dovrebbero prestare attenzione e che indicano la possibile presenza di un infarto:

– Fatica nella respirazione. Quello che si verifica è una maggiore difficoltà a respirare, anche se non si è compiuto alcuno sforzo fisico. Questo sintomo è un chiaro indicatore dell’eccessivo affaticamento del nostro cuore, uno sforzo causato dall’occlusione di una o più coronarie.

– Dolore alla schiena. Un segnale a cui dobbiamo stare particolarmente attenti in quanto in questi casi il rischio è di scambiare l’infarto per un semplice mal di schiena.

– Dolore alle spalle e al collo. Se negli uomini il dolore che più comunemente accompagna l’evento cardiaco è un dolore al torace, nel caso delle donne il disturbo si può manifestare anche all’altezza del collo e delle spalle.

– Forte nausea. Il significativo dolore alle spalle può arrivare a coinvolgere anche lo stomaco, fino a provocare la sensazione di vomito.

– Capogiri e improvvisa sudorazione fredda.

Olevia®, con un concentrato dell’85% di Omega-3, è  efficace nella la prevenzione di malattie cardiovascolari, anche per i pazienti che già in passato sono stati colpiti da patologie cardiache. I risultati che derivano dall’assunzione del prodotto, che deve essere prescritto dal medico di fiducia, parlano di una riduzione degli eventi di morte improvvisa pari al 50%.

Olevia® è quindi un valido aiuto per contrastare le patologie che possono compromettere la salute del nostro cuore che in Italia sono responsabili del 44% del totale dei decessi nelle persone di età compresa tra i 65 e gli 84 anni e dove l’infarto è la prima causa di morte (28%).

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.