Vulvodinia, cause e trattamento per un disturbo diffuso e invalidante

Redazione 2 maggio 2017 0
Vulvodinia, cause e trattamento per un disturbo diffuso e invalidante

Ci sono casi in cui bruciore, dolore e prurito intimo non sono solo un fenomeno passeggero. Si tratta di una patologia vera e propria, la vulvodinia, responsabile di fastidi, bruciori, rossori a livello dei genitali esterni, anche in assenza di infezioni. Una patologia fortemente invalidante che impedisce a chi ne è affetta di condurre una vita normale: dolori ricorrenti, sensazione di “punture di spillo”, rapporti sessuali dolorosi  sono alcuni dei sintomi ricorrenti.
Una situazione che accomuna il 15% delle donne e che molto spesso non viene “allo scoperto” per un insieme di fattori: “pudore” e imbarazzo nel manifestarla al proprio Medico ad esempio e, forse, una certa “distrazione” da parte di quest’ultimo, che a volte la sottovaluta.

L’infiammazione

Tutte le donne affette da vulvodinia hanno in comune una perenne infiammazione dell’area della vulva. Questo è dovuto a una risposta eccessiva del mastocita, un mediatore proinfiammatorio che ha la funzione di scatenare la reazione infiammatoria, in risposta a un danno infettivo, chimico o fisico. Solo che, in caso di vulvodinia, anche uno stimolo innocuo può generare una forte irritazione.

I campanelli d’allarme

L’Associazione italiana vulvodinia ha messo a punto un brevissimo questionario per individuare i sintomi più frequenti.

Le domande sono:

1) Sei stata curata per ripetuti episodi di vaginite e/o cistite, ma i disturbi non si sono completamente risolti dopo la terapia o sono ricomparsi dopo breve tempo?

2) I tuoi disturbi sono presenti quando la vulva è toccata (indumenti stretti, assorbenti interni o la penetrazione ai rapporti sessuali)?

3) Il dolore è generalmente vicino all’ingresso della vagina?

4) Il fastidio vulvare è quasi sempre presente senza apparenti cause che lo scatenano?

5) Quando tocchi la vulva o l’ingresso della vagina hai una strana sensazione, quasi come fosse uno spillo?

6) I tuoi problemi durano da più di tre mesi?

Se la risposta è positiva ad almeno tre delle sei domande è probabile che si soffra di vulvodinia.

Le cause

A causare la vulvodinia sono una serie di fattori concomitanti. Alcune donne hanno alle spalle infezioni ricorrenti da cistite o da candida; altre presentano delle alterazioni della muscolatura del pavimento pelvico o nell’assorbimento degli ormoni o disturbi immunitari.

La diagnosi

Per una diagnosi certa, il Medico, spesso lo specialista Ginecologo, effettua in primo luogo il test del cotton fioc, toccando con un bastoncino per le orecchie il vestibolo vaginale, ovvero l’ingresso della vagina. Se la paziente avverte bruciore o dolore è probabile che si tratti di vulvodinia. Si procede poi ad una valutazione del pavimento pelvico, per verificare se la muscolatura si presenta rigida e dolente.

Il trattamento

Le cure esistenti spaziano dal rilassamento e dalla rieducazione della muscolatura pelvica all’elettrostimolazione o ad esercizi da fare a casa. Esistono inoltre degli approcci terapeutici specifici per l vulvodinia. Una novità degli ultimi mesi è rappresentata da Nebycrom, un gel per uso vulvovaginale di IBSA Italia, indicato per il trattamento sintomatico di prurito, bruciore, irritazione, dolore e dispareunia in donne che soffrono di vulvodinia, vestibolite vulvare, vulvovaginiti e malattie vulvari. Nello specifico, Nebycrom® è un preparato a base di verbascoside, una sostanza che modula i processi infiammatori rispettando la flora vaginale, derivato da cellule staminali di Syringa Vulgaris coltivate in vitro. Non contenendo parabeni, abbatte il rischio di possibili irritazioni. Una soluzione efficace, che già al primo apparire ha polarizzato l’attenzione e i consensi, sia da parte della classe medica sia delle molte donne vittima di questo così diffuso disturbo.

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.