Piramide mediterranea

Questa piramide è diffusa con numerose varianti regionali in tutte le zone di produzione dell’olio d’oliva, che è il condimento d’elezione in questa alimentazione perché solo il 7-8% dell’energia totale fornita dai lipidi è data da grassi d’origine animale.
La base di questo regime alimentare è costituita da piatti come pane, pasta, patate, unite ad un forte consumo di verdure, legumi, latticini e frutta fresca. Le carni bianche, le uova, il pesce e i dolci compaiono qualche volta alla settimana mentre le carni rosse sono consumate più raramente.
E’ proprio questa piramide alimentare quella che sta riscuotendo da qualche anno più consensi da parte dei nutrizionisti. Lo dimostra il fatto che è stata ripresa anche nelle Linee guida per una sana alimentazione italiana, emanate nel 2003 dall’Istituto Nazionale della Nutrizione e dal documento intitolato “Alimenti, Nutrizione e Prevenzione del Cancro”, sviluppato e distribuito dal Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro nello stesso anno. Queste raccomandazioni incoraggiano, infatti, il consumo di frutta, verdura, legumi e cereali, suggerendo di incrementare l’attività fisica e controllare il peso corporeo, e di ridurre il consumo di grassi animali a favore di quelli vegetali. La tendenza attuale dei nutrizionisti, comunque, non è più quella di proibire, tanto quella di incentivare il consumo di alimenti benefici per la salute. A volte i divieti, infatti, non sono necessari, perché ad esempio, un incremento del consumo di prodotti di origine vegetale, compresi anche i legumi e i cereali integrali, ha come conseguenza la riduzione di alimenti di origine animale, ricchi di grassi saturi e colesterolo, responsabili di una serie di malattie, quali quelle cardiovascolari.

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.