Bruxismo? Niente paura, c’è il bite

Redazione 20 luglio 2015 0
Bruxismo? Niente paura, c’è il bite

Sono sempre di più le persone che ne sono affette, ma ancora poche quelle consapevoli di soffrirne: il bruxismo è una patologia che, sebbene investa l’8-9% della popolazione, troppo spesso viene sottovalutata.

Ma che cos’è e come si riconosce?   

Si tratta di una cattiva abitudine diffusa soprattutto tra gli adolescenti e gli over 30 che consiste nel digrignare i denti.  Chi ne è colpito tende a serrare i denti durante il giorno oppure a digrignarli in modo inconsapevole e incontrollato durante il sonno, quando non è possibile controllare coscientemente i movimenti. Esistono quindi due diversi tipi di bruxismo, quello “silenzioso” (serramento) e quello “rumoroso” (digrignamento), che talvolta possono verificarsi insieme nella stessa persona.

Bisogna dunque fare attenzione perché svegliarsi con la mandibola indolenzita, dolori al collo o alle spalle possono essere segnali che ci avvertono che soffriamo di questo disturbo.

Tra le cause del bruxismo ci sono fattori di natura psicologica come ansia, tensione emotiva e stress ma anche problematiche di carattere fisiologico che vanno da una postura scorretta ai disturbi del sonno o difetti di occlusione dentale. Anche un eccessivo uso di caffeina o di alcolici possono dare luogo al bruxismo.

E se si sottovaluta il problema, le conseguenze possono diventare gravi. Da un punto di vista estetico, il bruxismo provoca infatti una progressiva usura dei denti e dello smalto comportando una maggiore sensibilità dentinale al caldo e al freddo. L’affaticamento della muscolatura masticatoria può inoltre provocare cefalee e vertigini, dolore alla colonna cervicale e dorsale.

Diventa quindi importante intervenire e contrastare per tempo questo problema. Le cliniche dentistiche Doctor Dentist offrono al paziente una prima visita gratuita che permetterà di individuare anche l’eventuale presenza di questo disturbo efficacemente contrastabile con il bite, una mascherina in grado di creare una barriera protettiva tra le due arcate dei denti e mantenere l’articolazione in posizione di riposo, alleggerendo la tensione della muscolatura e dell’articolazione. Uno strumento in grado di arginare le conseguenze negative che il bruxismo esercita non solo sulla nostra estetica ma anche sul nostro benessere fisico.

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.