Cistite in seguito a radioterapia: prevenirla e curarla con Ialuril®

Redazione 31 agosto 2015 0
Cistite in seguito a radioterapia: prevenirla e curarla con Ialuril®

La radioterapia è un trattamento medico utilizzato per combattere fenomeni tumorali, spesso in associazione ad altre due discipline quali la chirurgia e la chemioterapia.

Si tratta di una terapia che prevede l’impiego di radiazioni ionizzanti, raggi X che agiscono sulle cellule tumorali, uccidendole attraverso la rottura della catena del DNA.

Eppure, nonostante gli sviluppi nell’ambito della tecnologia abbiano fatto grandi passi avanti e il coinvolgimento degli organi sani durante il trattamento sia limitato, gli effetti collaterali delle radiazioni non possono essere completamente eliminati.

L’insorgenza della cistite, per esempio, è una delle conseguenze più frequenti e colpisce circa il 50% dei pazienti che si sottopongono a trattamenti radioterapici nell’area pelvica contro il tumore della vescica, prostata, ovaie, utero o gastroenterico.

Le radiazioni infatti, danneggiano la mucosa che riveste internamente la vescica, rendendola permeabile alle particelle nocive contenute nell’urina che danno luogo all’infiammazione.

Come sottolineato dal Dott. Marco Orsatti, Specialista in Radioterapia oncologica e Direttore della Struttura Complessa di Radioterapia dell’Ospedale Sanremo-ASL 1 Imperiese, “gli effetti della radioterapia sono di due tipi: acuti – che insorgono durante il trattamento – e tardivi – che possono comparire a distanza di tempo (anche mesi o anni) dall’irradiazione”. Sottovalutare e non intervenire immediatamente per contrastare la cistite acuta significa esporsi al rischio che si cronicizzi, rischiando l’asportazione della vescica.

Come si può dunque intervenire per contrastare efficacemente questa patologia?

Anche in questo caso gli sviluppi della medicina hanno giocato un ruolo fondamentale: se un tempo si consigliava l’assunzione di farmaci antinfiammatori (FANS) o particolari antibiotici, oggi le instillazioni di acido ialuronico e condroitin solfato (nome commerciale Ialuril® Prefill) ricostruiscono la barriera protettiva della vescica senza causare danni collaterali.

Più recenti sono anche le capsule molli Ialuril® Softgels che vengono assunte per via orale e hanno la stessa efficacia delle instillazioni. Un prodotto che, assicura il Dott.Orsatti, “in termini di miglioramento di qualità della vita, praticità e sicurezza, rappresenta un grande passo avanti. Anche l’aderenza alla terapia ne risente positivamente, perché sapere che si stanno assumendo sostanze naturali, ma in grado di risolvere i propri disturbi meglio di un FANS, aiuta a seguire il trattamento con maggiore scrupolo, a tutto vantaggio del percorso radioterapico”.  Senza dimenticare che le capsule molli Ialuril® Softgels, grazie al loro ruolo di prevenzione, vengono talvolta somministrate già dalla prima seduta di radioterapia.

 

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.