Ipotiroidismo congenito

Redazione 17 dicembre 2014 0

L’ipotiroidismo è la più diffusa malattia della tiroide: caratterizzata da insufficiente concentrazione nel sangue di ormoni tiroidei T3 e T4, porta a un rallentamento di tutti i processi metabolici dell’organismo.

Spesso si tratta di una patologia “acquisita”, ma talvolta può essere presente fin dalla nascita, causato da eventuali malformazioni della ghiandola tiroidea, o anche da carenza iodica. Se non trattato, comporta gravissimo ritardo mentale (cretinismo) e bassa statura. Nelle forme lievi la sintomatologia dell’ipotiroidismo è invece più sfumata.
Il Dott. Roberto Gastaldi, Specialista in Endocrinologia Pediatrica dell’IRCCS G. Gaslini – Università di Genova, spiega che l’ipotiroidismo congenito primario, cioè dovuto a cause relative solo alla tiroide (il 95% dei casi), è la più frequente patologia endocrina dell’età evolutiva, con una frequenza di 1 neonato su 2.000 in Italia.

Il Dott. Gastaldi sottolinea però che il tempestivo avvio della terapia ormonale sostitutiva con levotiroxina, insieme a un attento monitoraggio successivo, assicurano ai neonati affetti da ipotiroidismo congenito una qualità della vita e uno sviluppo cognitivo del tutto normali.

Presente in commercio in forma solida (compresse), in forma liquida e in capsule molli, la levotiroxina è impiegata sia nel trattamento dell’ipotiroidismo acquisito, sia di quello congenito, con l’obiettivo di ristabilire la corretta concentrazione di ormoni tiroidei nel sangue. Si tratta di una terapia cronica ma che, grazie anche alle innovative formulazioni oggi disponibili, è in grado di garantire a tutti i pazienti una vita assolutamente normale.

Per questa ragione è fondamentale ottenere una diagnosi precoce della malattia attraverso lo screening neonatale, così da essere in grado di avviare nel caso tempestivamente la terapia sostitutiva con levotiroxina.

 

Per approfondire:
Speciale ipotiroidismo congenito su tiroide.com

Per sottoporre una domanda al Dott. Gastaldi, Pediatra Endocrinologo:
L’esperto risponde

 

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.