I giusti accorgimenti per un’estate senza jet lag

Redazione 27 giugno 2016 0
I giusti accorgimenti per un’estate senza jet lag

L’estate è arrivata e per molti di noi è finalmente giunto il tempo di preparare le valigie e partire. Ma l’entusiasmo e la voglia di godersi il tanto meritato riposo rischiano facilmente di essere rovinati da un disturbo tipico di chi viaggia verso mete lontane: il jet lag.

Quando si superano i 3-4 fusi orari in volo e affrontiamo trasferimenti rapidi da un posto ad un altro, il nostro corpo può non essere in grado di sincronizzarsi con il nuovo ciclo circadiano (luce-buio). Più nello specifico, viene alterato l’orologio interno che nell’arco della giornata ha il compito di regolare le secrezioni ormonali, la temperatura corporea e il sonno.

Alcuni studi hanno calcolato che per fare in modo che il nostro organismo si adatti al nuovo orario, bisognerebbe recuperare ogni giorno dai 60 ai 90 minuti rispetto alla variazione del fuso orario, con una distinzione a seconda della direzione verso cui si viaggia: se si procede da ovest verso est, ci vorranno (in giorni) circa due terzi del numero di fusi orari attraversati. Diversamente, se il percorso è verso ovest, sarà necessaria la metà del numero di fusi attraversati.

In cosa consiste la “sindrome da fuso orario”, ovvero quali sono i sintomi?

 – sensazione di malessere generale (nausea, indolenzimento muscolare e mal di testa);

– stanchezza durante il giorno;

– inappetenza;

– riduzione della capacità di concentrazione, alterazione dell’umore, tendenza all’irritabilità;

– alterazioni della funzionalità gastro-intestinale (problemi digestivi e disturbi allo stomaco)

Come prevenire il rischio jet-lag?

Poiché, come abbiamo visto, i tempi di adattamento del nostro organismo al nuovo ritmo circadiano possono essere anche molto lunghi e coincidere con quelli della durata della vacanza, è bene seguire alcuni accorgimenti che ci permettano di sfruttare al meglio il nostro tempo. Un rimedio certamente molto valido è usare Melatonina Dispert, integratore in grado di aiutare il nostro corpo a sincronizzare il ciclo sonno-veglia e ad attenuare dunque in maniera sostanziale il fenomeno del jet lag. Particolarmente consigliata nell’orario del riposo notturno del paese di destinazione, Melatonina Dispert assicura la massima efficacia grazie alla nuova formulazione ad azione rapida e di lunga durata.

Esistono inoltre una serie di comportamenti che possono ulteriormente contribuire ad eliminare il disturbo del jet lag. Prima di partire, per esempio, si consiglia di regolare l’orario del sonno e dei pasti, cercando di avvicinarsi in maniera graduale a quello del luogo di destinazione. Una volta arrivati in loco sarà bene riposare circa 20-30 minuti evitando però di dormire per più tempo in modo tale da “conservare” la stanchezza per la notte. Infine, non bisogna dimenticare che l’esposizione alla luce naturale aiuta a ripristinare i ritmi circadiani, per questo si consiglia di esporsi alla luce solare del tardo pomeriggio per coloro che viaggiano verso ovest, mentre per i viaggiatori in direzione est è preferibile la luce solare del mattino.

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.