Mai sottovalutare il mal di schiena

Redazione 20 aprile 2017 0
Mai sottovalutare il mal di schiena

Il mal di schiena è uno dei disturbi più diffusi che colpisce indistintamente uomini e donne di tutte le fasce di età e le cui cause possono derivare da una molteplicità di fattori, come posture scorrette, sedentarietà, attività fisica inappropriata, traumi e artrosi. Una patologia che troppo spesso viene sottovalutata, basti pensare che circa una persona su cinque convive con un mal di schiena lombare che perdura da almeno tre mesi.

Eppure, avvertono gli studiosi, ignorare questo problema può portare a conseguenze importanti sulla nostra salute, fino a causare una morte prematura nel paziente. I ricercatori del George Institute for Global Health di Sidney hanno infatti condotto uno studio che dimostra come le conseguenze del mal di schiena possano peggiorare notevolmente nel corso degli anni e portare, nei casi più drammatici, alla morte.

Il team australiano ha condotto l’analisi su un campione di 4390 gemelli danesi di età compresa tra i 70 e i 102 anni, mettendo a confronto i dati ottenuti con il registro delle morti. Dallo studio è emerso che persone che soffrono di dolore alla schiena hanno un rischio di mortalità superiore del 13% rispetto a chi non presenta il fenomeno.

Secondo il responsabile dello studio, Paulo Ferreira, il legame tra mal di schiena e morte prematura non sarebbe casuale bensì deriverebbe dal fatto che il dolore spinale “tende a creare un effetto domino che, impattando negativamente sulla salute, accresce la probabilità di morte anticipata”.

Quando si presentano i primi segnali di dolore alla schiena è quindi necessario intervenire il prima possibile ed evitare che la patologia si cronicizzi. Akis®, una nuova formulazione con beta-ciclodestrine, è un prodotto a base di Diclofenac che favorisce l’eliminazione del dolore attraverso un’auto-somministrazione sottocutanea della giusta posologia di principio attivo. Sarà infatti il medico a consigliare, in base al dolore del singolo paziente, la dose “personalizzata”, evitando l’assunzione di quantità eccessive di farmaco.

E prendere per tempo il mal di schiena significa anche evitare che la malattia possa portare ad altre conseguenze invalidanti per la nostra salute. Le statistiche effettuate sul campione di pazienti mostrano infatti che il dolore alla schiena costituisce uno dei fattori che contribuiscono alla disabilità, soprattutto quando il disturbo coinvolge la parte bassa.

In conclusione, se è vero che una delle maggiori cause del mal di schiena è la postura scorretta che assumiamo quando dormiamo, scegliere il materasso adatto è certamente un aspetto da non trascurare, ma non dimentichiamoci che nulla può sostituire la terapia farmaceutica!

 

 

 

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.