Soffri di apnee notturne? Non puoi guidare!

Redazione 26 gennaio 2016 0
Soffri di apnee notturne? Non puoi guidare!

Chi soffre di apnee notturne non potrà più guidare, a meno che questo disturbo non venga trattato in maniera corretta e ci siano dei miglioramenti nel corso del tempo.

E’ quanto riporta un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 22 dicembre 2015 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Secondo una stima fatta qualche anno fa dall’Aci (Automobile Club d’Italia), il numero degli incidenti provocati da persone affette da apnea notturna sarebbe fino a sette volte superiore rispetto alla media di coloro che non ne soffrono. Si tratta infatti di un disturbo che può causare colpi di sonno alla guida, rappresentando così una vera e propria minaccia alla sicurezza in strada.

Ma cosa si intende per apnea notturna?

Consiste in una interruzione inconsapevole della respirazione durante il sonno nella quale l’ossigeno smette di fluire regolarmente anche per 20 secondi.  Questo porta a sua volta ad un risveglio cerebrale non consapevole e ad un sovraccarico cardiaco necessario a garantire l’apporto di ossigeno nelle aree periferiche del nostro organismo. Gli effetti, oltre che provocare disturbi nel sonno, si fanno sentire anche durante il giorno perché si il paziente accuserà una carenza di energie, minore produttività, cattivo umore, irritabilità e riduzione dell’attenzione.

Considerata quindi la potenziale pericolosità di questo disturbo, sarà una commissione medica locale ad avere la facoltà di autorizzare alla guida i soggetti affetti da sindrome da apnee ostruttive notturne moderate o gravi, a seguito di un parere specialistico da parte delle strutture pubbliche.

Per cercare di contrastare questa fastidiosa problematica che può risultare anche invalidante, ecco alcuni consigli:

1) Dormire su un fianco e con la testa sollevata. Questa posizione facilita infatti l’ingresso di ossigeno nei polmoni.

2) Tenere sotto controllo il peso. Un costante esercizio fisico ed una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura e povera di cibi fritti, grassi e zuccheri, faciliteranno una maggiore apertura delle vie respiratorie.

3) Utilizzare Valeriana Dispert aiuta a migliorare la qualità del sonno. La valeriana è una sostanza naturale in grado di combattere sia i disturbi legati all’ansia che quelli più strettamente legati alle alterazioni del sonno. In particolare, le compresse di Valeriana Dispert, a base di radice di valeriana, assicurano l’efficace proprietà della valeriana unitamente alla garanzia di sicurezza e affidabilità della loro produzione.

4) No a fumo e ad alcol. Fumare può causare infiammazioni delle vie respiratorie superiori e le bevande alcoliche possono alterare le funzioni dei muscoli della gola.

 

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.