Toronto Bridge: la protesi dentaria che fa tornare il sorriso

Redazione 21 novembre 2015 0
Toronto Bridge: la protesi dentaria che fa tornare il sorriso

Con l’avanzare dell’età anche i denti possono iniziare a darci qualche problema: oltre al loro indebolimento sono frequenti i casi di edentulia, ovvero la mancanza di denti dovuta ad una loro precedente caduta.

Si tratta di problematiche che non solo vanno ad intaccare la nostra estetica, ma che creano altresì un disagio pratico che talvolta una dentiera non riesce a risolvere in maniera efficace.

Una soluzione però, esiste. Gli sviluppi della tecnologia per gli impianti dentali hanno infatti dato vita ad una tecnica rivoluzionaria nel campo dell’odontoiatria che mette fine in maniera definitiva ai problemi legati alla mancanza o alla debolezza dei denti.

Toronto Bridge, questo il nome di tale tecnica, è uno dei numerosi servizi offerti delle cliniche dentistiche Doctor Dentist che si avvalgono di un team di specialisti all’avanguardia. In sostanza, si prevede l’applicazione di una protesi fissa rivestita con materiale estetico (resina, composito o ceramica) avvitata su 4 impianti in titanio integrati nell’osso (concetto di trattamento di impianto a carico immediato All-on-4®) o in certi casi su 5 o 6 impianti.

E’ possibile sostituire tutti i denti di un’arcata in un tempo davvero limitato: l’implantologia a carico immediato consente di tornare a sorridere in maniera naturale in un solo giorno.

Accanto alla rapidità di applicazione, la tecnica Toronto Bridge assicura inoltre la massima sicurezza perché essendo una protesi avvitata su degli impianti, può essere rimossa dal dentista in qualsiasi momento ed essere inviata in laboratorio per modifiche o riparazioni.

Il vantaggio è anche economico, dal momento che, il costo dell’operazione è inferiore rispetto a quello di una protesi fissa su impianti di tipo tradizionale e i centri Doctor Dentist assicurano prezzi altamente competitivi.

Questo sistema può essere applicato indipendentemente dall’età e da problemi come cardiopatia, diabete o ipertensione e consente di tornare a mangiare e a relazionarsi con gli altri senza dover più preoccuparsi della propria bocca.

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.