Quali sono le principali novità emerse dal Congresso ERS 2014 riguardo a cause e fattori di rischio di Asma e BPCO?

Redazione 6 gennaio 2015 0

Prof.ssa Annalisa COGO
Malattie dell’Apparato Respiratorio – Università di Ferrara

Una cosa interessante secondo me da puntualizzare è l’argomento che quest’anno la Società Europea di Pneumologia ha deciso di utilizzare come slogan, e questo è: “Respirare in maniera sana e soprattutto respirare aria pulita”. E questo perché? Perché l’inquinamento è uno dei fattori di rischio principali per le malattie respiratorie. Noi possiamo considerare diversi tipi di inquinamento, perché per inquinamento non intendiamo soltanto l’inquinamento da industria o da traffico, dobbiamo pensare all’inquinamento domestico, quello che si ha per l’uso di camini e di bracieri aperti; l’inquinamento sul luogo di lavoro (l’esposizione lavorativa); e non dimentichiamo il fumo passivo. Quindi ci sono diverse situazioni nelle quali il polmone viene “insultato” da un’aria che respira di scarsa qualità. E questo in fase acuta determina un aumento delle riacutizzazioni di BPCO e degli attacchi di asma, e invece sul cronico è uno dei fattori di rischio principali per la BPCO, e questo è stato riconosciuto già nel 2010 da una pubblicazione su Lancet dove tra i fattori di rischio per malattia, ma non solo respiratoria, l’inquinamento domestico era collocato al primo posto mentre l’inquinamento esterno (l’outdoor pollution) è al sesto posto. E sempre nello stesso anno l’ATS (American Thoracic Society) ha pubblicato uno statement sui fattori di rischio nuovi – diciamo così – per la BPCO e tra nove fattori di rischio, quattro riguardano proprio l’aria che respiriamo, quindi inquinamento interno, esterno, esposizione sul luogo di lavoro e fumo passivo. Ed effettivamente dobbiamo anche dire che tra i soggetti BPCO il 20-30% sono soggetti non fumatori, quindi ci sono altri fattori di rischio che non possiamo dimenticare e che dobbiamo diffondere anche tra il pubblico per una maggiore educazione e quindi una buona prevenzione.

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.