Uretriti e prostatiti: usare l’integratore giusto per farle sparire

Redazione 28 dicembre 2016 0
Uretriti e prostatiti: usare l’integratore giusto per farle sparire

Infiammazione dell’uretra e infiammazione della prostata sono tra i più comuni disturbi uro-genitali del mondo maschile. Anche la cistite, più tipicamente femminile, infastidisce circa il 10 % degli uomini.

Quando i batteri provenienti dal proprio intestino (all’interno del quale non causano problemi) migrano in altre parti del corpo, determinano un’infezione. I sintomi, per essere contrastati, necessitano che l’urotelio – la barriera protettiva presente nella vescica, nell’uretra e passante per la prostata – sia ripristinato e rafforzato.

Questo strato di rivestimento può, infatti, essere protetto, ricostruito e messo nelle condizioni di prevenire un’infezione. L’acido ialuronico e il condroitin solfato sono gli elementi costituenti l’impermeabilità e la difesa fisica e aspecifica offerta dall’urotelio; una terapia a base di questi stessi principi rappresenta un’opportunità per non incombere nella farmacoresistenza, la resistenza dei batteri agli antibiotici, sfociando così nella cronicità della patologia.

A differenza dei più diffusi rimedi a base di mirtillo, superati da numerosi studi, l’integratore Ialuril® Soft Gels permette di intervenire sulla prevenzione e la cura nei disturbi urinari maschili, così come nelle cistiti e dolori pelvici femminili. Contiene, infatti, oltre alle sostanze componenti l’urotelio, anche curcumina e quercetina, “che vanno a spegnere tutto il fenomeno infiammatorio che si è generato e che ha creato un discomfort:

– dolori nella fascia compresa tra lo scroto e l’ano,
– difficoltà durante l’eiaculazione,
– bruciore lungo il canale della pipì.”

Così, spiega la dottoressa Debora Marchiori, urologa di Villa Erbosa, gruppo ospedaliero San Donato, Bologna.

Per prevenire le infezioni delle vie urinarie (UTI), è opportuno, inoltre, mantenere una dieta sana, riducendo i cibi piccanti e l’alcol, bere spesso acqua ed evitare rapporti sessuali non protetti, i quali potrebbero aumentare la probabilità di contrarre l’infezione nel caso di patologia batterica.

“È fondamentale ricostruire la barriera protettiva con una terapia a base di acido ialuronico e condroitin solfato, eliminando contemporaneamente l’infiammazione”, conclude la dottoressa, “come se dessimo un impermeabilizzante che va a tappare i buchi di una condizione in cui si sono create delle lacerazioni.”

Pertanto, un buon integratore può risultare un puntuale aiuto prima e durante l’infezione del tratto urinario.

Lascia un commento »

Ok

Il nostro sito web fa uso di cookies per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più su come utilizziamo i cookies e come gestirli, leggi la nostra informativa sui cookies.